Anche nel 2020 Microsoft Power BI merita il posto nel Quadrante Magico di Gartner come piattaforma leader, per 13 anni di seguito, nel panorama dei software per la Business Intelligence.

Le ragioni di questa scelta – presa da una delle più grandi società di consulenza strategica, ricerca e analisi nel campo della tecnologia dell’informazione, con oltre 15.000 clienti nel mondo – sono da ricercare in una serie di vantaggi che Power BI offre alle aziende di ogni settore e dimensione.

Sappiamo bene – perché ci confrontiamo di continuo con imprenditori di aziende di ogni settore e dimensione – come spesso possa essere difficile scegliere un software di Business Intelligence tra i tanti esistenti sul mercato, metterne al vaglio caratteristiche, vantaggi, praticità, soluzioni di implementazione, ecc.

Di una cosa siamo tutti persuasi: i dati, generati dalle tante fonti e circolanti in diversi formati, sotto quella loro forma grezza nascondono la più grande risorsa oggi manipolabile con tecniche e metodi fino a qualche tempo fa impensabili: l’informazione oggettiva.

E di un’altra cosa possiamo esser certi: tutto ciò che un tempo poteva sembrare fuori portata – metodi statistici, apprendimento automatico, manipolazione dei dati – oggi è una soluzione praticabile anche per le imprese più riottose al cambiamento. 

 

Parti dal perché: a cosa mi serve la Business Intelligence?

 

Perché fare Business Intelligence?

 Una domanda che non vuole tanto indagare il motivo più o meno consapevole della sua utilità, quanto piuttosto arrivare a una conclusione chiara sugli obiettivi aziendali, peculiari a ogni contesto.

 Tutti siamo ormai più o meno consapevoli che l’analisi dei dati sia la risposta più immediata e diretta alla risoluzione di problemi aziendali radicati nel tempo:

  • mancanza di una visione d’insieme
  • gestione dei processi lenta e complicata
  • incomunicabilità tra sedi e/o reparti
  • attività che comportano sprechi di soldi, tempo ed energie
  • strategie di marketing inefficaci e improduttive.

e che l’unico approccio che ci consente di prendere iniziative e decisioni basate sui fatti e non su opinioni, è quello analitico.

Il problema nasce nel momento in cui, consapevoli del perché, non si hanno sufficienti dati per valutare le tecnologie più convenienti, ovvero quelle che risolvono le criticità senza crearne altre.

L’optimum, in sostanza, sarebbe lavorare con una piattaforma intelligente, ma anche semplice da usare. Non tutte le aziende, infatti, hanno personale IT addetto o più specialistico, e non tutte vogliono o possono ampliare il loro organico per includere anche altri settori.

Ogni azienda ha le sue necessità, e queste necessità devono essere messe in elenco accanto a caratteristiche e benefici di una piattaforma che sia utile e resti usabile nel tempo.

Ecco perché è importante mettere in chiaro alcuni aspetti da considerare quando si valuta un software per la Business Intelligence.

 

Come valutare un software di Business Intelligence se non hai alcuna esperienza?

 

La difficoltà nella valutazione degli strumenti per l’analisi dei dati è spesso l’unico freno inibitore alla trasformazione digitale che avanza a passo sempre più svelto.

L’urgenza di misurarsi con i business più dinamici e con i competitor che dominano i mercati, offline e online, mette di fronte alla necessità di portare in azienda tecnologie con attributi precisi.

Ma prima ancora di passare a questi attributi, progettati per aumentare le prestazioni del software, bisogna dar conto ad alcuni prerequisiti indispensabili di una piattaforma di Business Intelligence:

  • capacità di integrazione con altre piattaforme
  • facilità d’uso anche per chi non ha competenze specifiche
  • flessibilità di implementazione
  • accessibilità da più dispositivi
  • assistenza e supporto.

I software moderni hanno il pregio di facilitare operazioni un tempo molto più complicate, bisogna quindi accertarsi di scegliere quello che rispetta questo paradigma nell’installazione, configurazione e gestione della piattaforma. Come pure nell’esecuzione dell’analisi dei dati, dalla raccolta all’aggregazione, alla visualizzazione e interazione.

Molto importante da valutare, anche in base alle esigenze aziendali, la flessibilità di implementazione. Accertati che la piattaforma offra opzioni di implementazione (ad esempio SaaS, on-premise, cloud pubblico, privato, ecc.).

Un esempio virtuoso di software per Business Intelligence è Microsoft Power BI.

Nessuna presa di posizione, ma se siamo partner Microsoft la ragione è semplice: crediamo in un brand che nel mondo porta soluzioni di indubbio valore, scelte e preferite da grandi aziende come Adobe, HP, Metro Bank, Avanade, Aston Martin, Conde Nast e tante altre di cui puoi leggere i casi studio (https://powerbi.microsoft.com/it-it/customer-showcase/).

 

Come lavora Microsoft Power BI per la Business Intelligence?

 

Il bello però di Power BI è la sua capacità di adattarsi a ogni dimensione e assetto aziendale. Entra nei grandi player, è vero, ma bussa anche alla portata delle piccole e medie imprese. 

Per chi ancora non ha un’idea troppo chiara sulla sua natura, Microsoft Power BI è una suite di Business Intelligence e di analisi che integra strumenti per la creazione di report, preparazione e visualizzazione dei dati.

Esiste in due versioni disponibili per il download:

  • Power BI Desktop e Power BI Mobile.

La versione desktop è una soluzione on-premise che si collega a un servizio basato su cloud per caricare e condividere dati e informazioni.

La versione mobile mantiene le stesse funzionalità in un’app, per potersi collegare da qualsiasi luogo e in qualsiasi momento.

Power BI piace perché semplifica l’analisi dei dati e la rende accessibile anche a chi non ha competenze IT.

Ecco come lavora:

  • si connette a tutte le fonti di dati eterogenee e le raccoglie in una unica piattaforma
  • realizzare analisi predittive con Cortana Intelligence, il servizio di IA di Microsoft
  • crea dashboard – pannelli interattivi – che mettono in relazione tra loro i dati dei vari set
  • genera report interattivi con elementi visivi incorporati da condividere all’interno dell’azienda
  • si integra con altri strumenti e con soluzioni Microsoft, incluso Microsoft Excel per connettere query, modelli di dati e report di Excel.

Metti alla prova Power BI

Contattaci se hai bisogno di supporto: interveniamo con sessioni formative sia in azienda sia da remoto in questi casi:

  • Analisi dei processi aziendali per individuare i flussi di lavoro che l’azienda vuole tenere sotto controllo
  • Supporto nella progettazione di modelli partendo dai dati funzionali fino ad arrivare alle analisi richieste
  • Formazione sulla progettazione di modelli, generazione di report e dashboard
  • Formazione su come attivare collaborazione tra gruppo di lavoro

 

Fonte della citazione Gartner Magic Quadrant: (https://info.microsoft.com/ww-landing-2020-gartner-magic-quadrant-for-analytics-and-business-intelligence.html?LCID=EN-US)